Cosa vuoi vedere?

Chi siamo
Da dove veniamo
Dove stiamo andando

Discografia
Testi

Scrivi ai Be-Folk

Home

 

 


TESTI:

STIGGHIOLA

Panini con milza
Misto fritto e panelle
Crocchette croccanti
Pizzetta o porchetta
Ma sotto le stelle
Sotto un raggio di luna
Io degusto stigghiola
Deliziose e anche belle

…E pinsari chi ci passa a merda

Sulla brace fumanti
Miste alla carbonella
Il vessillo ufficiale
Di piazza Olivella
Io le mangio con gusto
Sotto un cielo stellato
Sto a Palermo per questo
Maestà del mio palato

…E pinsari chi ci passa a merda

Vivo appieno il suo aroma
Mi trascina pei cieli
Sutt'a luna stigghiola
Sinz'autri pinseri

…E pinsari chi ci passa a merda

POVERO NONNO

Solitario sta il nonnino sul suo solito sgabello
Sorseggiando un pò di vino giocherella col cappello
Sembra totalmente assorto,ha lo sgardo corrucciato
Deve aver subito un torto, sarà stato bistrattato

Mi dispiace che sia affranto
Lo vorrei risollevare
Ma son timido e introverso
Non saprei che cosa dire

Le sue gote son paonazze,nei suoi occhi del rossore,
Si starà sforzando un mondo non potendo singhiozzare
È evidente il suo malore,gli starà straziando il cuore
Deve aver subito un torto sta morendo dal dolore

Mi dispiace che sia affranto
Lo vorrei risollevare
Ma son timido e introverso
Non saprei che cosa dire

Di repente scorgo un movimento che mi fa pensare ci sia da temere
Che la sedia su cui sta seduto si possa spaccare e lui possa cadere
Dondolando come fosse su un cavallino e rischiando di precipitare
Io mi avvento sul nonno gli do il mio sostegno non potendo mai sospettare

Lui mi guarda con fare stranito posando il suo vino e mostrandomi il dito
Mi respinge dalla parte opposta mi da un pugno in testa e mi fa barcollare
“Ma c''a fari? Ma si ra dà banna? Chi sconcichi i vecchi? Va fatti schifiari !!!
Nun lu viri chi sugnu attuppatu?...nun si po mancu chiù paritari ! ”

Non lo vedi che il nonno è intasato?...lui non può neanche più scorreggiare


POLLO

Quando il sabato di sera non sappiamo cosa fare
Non ci va di andare al cinema o di stare a cazzeggiare
Tutti assieme decidiamo che sarebbe meglio andare
Nella casa della nonna di Francesco per fumare

Il solerte Kammarery mette a giro il suo spinello
Tutti quanti siam vogliosi di distruggerci il cervello
Dopo un paio di bokkate scatta in gioco il cicireo
Cicciobello di repente scatta in piedi e grida :Meo!!!

Pollo tu non la passi mai
Non ti ricordi dei tiri che fai
Sei la rovina di tutti noi…sei tu

Se non ti dispiace Ciccio ci saremmo pure noi
Siamo in 10 ma se dici fai un pò come cazzo vuoi
Ma ricordati che sei venuto qui con un passaggio
Quindi passa o ti finisce come il giorno campeggio

Quando tutti attorno al fuoco attendevamo lo spinello
Che ti si è incollato in mano e tutti a dire Ciccio Pollo
Con orecchio da mercante tu ignoravi i nostri cori
Ma noi abbiam dormito in tenda invece tu hai dormito fuori

Pollo tu non la passi mai
Ma non la passi neanche liscia con noi
O metti a giro o ti metti nei guai

Ciccio è ancora tentennante sul tenersela o passarla
Pensa bene alla sua sorte ruba un tiro e passa a Carla
Che non è una nostra amica ma serviva a fare rima
Però intanto adesso fuma e noi tessiam la ragnatela

Polli noi non fumiamo mai
Se Ciccio vien prima di noi
È uguale se rimani o te ne vai

COLICA RENALE R'N'R

Mi sono alzato a stento
Che mi sentivo affranto
Ed accusavo un sintomo di bomba giù nel fianco
Perkè pensavo fosse colpa di te
Che mi hai lasciato per un altro
e adesso mi masturbo tanto…makkè,non era questo il dolor

Pensavo fosse stato
Qualcosa che ho mangiato
Ma funghi e peperoni son leggeri oltre che buoni
Sicchè ho pensato al mio papà
Che per mangiare i funghi della nonna
è morto ma ho pensato ma và…io non ho la suocera

Mi duoleva la schiena
ho controllato il letto
ma non c'ho riscontrato il benchè minimo difetto
fuorchè una bambolina vodoo
se trovo chi è che ce l'ha messa
gliela infilo tutta quanta nel cu…

Ma poi mi sono sentito male
Mi han portato all'ospedale
I medici han diagnosticato colica renale
Pipì…devo fare tanta pipì
Adesso è questo il mio destino
Bere tanta acqua e fare pipì
Colica renale rockandroll
Colica renale rock
Colica renale rockandroll
Colica renale rock
Il mio destino è di pisciare per buttare tutto quello che c'ho

CONTRO IL MARE DEI SARGASSI

Sono il pirata Barbanera
e assieme al vecchio lupo acquatico il pirata Barbarossa
Siamo in combutta ,navighiamo controvento,
pronti a sfidare qualsiasi reggimento
Il governatore ci vorrebbe impiccare
perché non stiamo zitti e non cessiamo di parlare
Perché non stiamo fermi e ci vorrebbero fermare
,perche pensiamo troppo e questo non si deve fare

La lalà la la là sulla nostra bandiera ci sta un teschio con la A
Issate le vele ,puntate i cannoni, fate fuoco sui governatori

Noi dei 7 mari siamo gli avventurieri
rubiamo ai signorotti quel che ci han rubato ieri
Noi a nessun sovrano giuriamo fedeltà
rubiamo pure ai re quello che ci han rubato già
Quando deprediamo i mercantili
non facciamo male ne alle donne ne ai bambini
Alle guardie invece rubiamo il manganello
gli diamo un calcio in culo e poi cantiamo il ritornello

La lalà la la là sulla nostra bandiera ci sta un teschio con la A
Issate le vele ,puntate i cannoni, fate fuoco sui governatori

Il più grande segreto per ogni nostro viaggio
e che io sono il capitano ma comanda l'equipaggio
Per le spartizioni spartiamo in parti uguali
e non c'è rischio che qualche carogna si ammutini
L'arma più potente del nostro galeone
è che sotto la bandiera non c'è solo una nazione
Neri verdi bianchi rossi belli brutti magri grassi
insieme tutti in coro contro il mare dei Sargassi

La lalà la la là sulla nostra bandiera ci sta un teschio con la A
Issate le vele ,puntate i cannoni, fate fuoco sui governatori
La lalà la la là sulla nostra bandiera ci sta un teschio con la A
Issate le vele ,puntate i cannoni, fate fuoco sui governatori


CABEZA

Oh Madre mia che dolor
me se sbucia la cabeza
el sombrero trapanado
el pisello arroventado
Cabeza
Oh madre mia che sensasion
'na sensasion de pentimiento
'na sensasion che non compriendo
forse è un problema di erezion

Ah a me me gusta la cabeza
a me me gusta la cerveza oh si
quando calienta el sol
una cerveza congelata me aggiusta la giornada così


El pinnolon non me risponde
madre mia che dolor
io ricerco un'emozion
che scateni polluzion
cerveza
Ad un tratto me sorpriende
l'ochio mio che se propende
a una muchacha muy bonida
non ne ho mai visto nella mia vida...bonita

Ah a me me gusta la cabeza
a me me gusta la cerveza oh si
quando calienta el sol
una cerveza congelata me aggiusta la giornada così


MIZZICA SI PIZZICA

Avevo una ragazza che si chiamava Rosa
Era tanto carina quanto pelosa
Non era un gran problema il suo pelo interno coscia
Ma avea tanti capelli quanti peli in faccia

Olailì olailà
adesso fa la scimmia nel circo di città

Avevo una ragazza che si chiamava Sara
Era tanto graziosa quanto cara
Nel senso che pagavo affinché lei me la dasse
Era la spesa maggiore dopo le tasse

Olailì olailù
Adesso che son povero lei non me la da più
Oilai olailù
Adesso che son povero lei non me la da più

Avevo una ragazza che si chiamava Sissi
Un nome tanto bello per un cesso dissi
Infatti durò poco, quando mi chiese di scopare
Presi scopa e paletta e l'andai a gettare

Olailì olailè
Se le sedevo sopra facevo anchè il bidet
Olailì olailà
In giro per le fogne come blatta se ne và

Ma l'ultima ragazza si chiamava Manfredi
Mi vennero dei sospetti quando la vidi pisciare in piedi
Ma si mi dissi si scherza si gioca si bleffa ma che diavoletta
Fin quando bendato li sotto la doccia mi cadde la saponetta

Olailì olailù
Da quando me lo ha messo in culo io non ci sto più
Olailì olailà
Adesso il culo mi pizzica mi pizzica mi pizzica
adesso il culo mi pizzica mi pizzica pizzica ka!!!


QUAND'ERO PICCOLINO

Ricordo da piccino tante cose dei grandi che avrei voluto evitare
Non avrei mai voluto essere grande,e c'ho la prova dentro le mutande

Fa fa fa fa fara…

Ricordo la sorella di mia madre
Fumava al giorno 20 sigarette
Addosso non aveva più la pelle
Ma soprattutto non avea le tette
Quand'ero piccolo pensavo fosse qualcosa che io non avrei mai fatto
Adesso che son grande io consumo ogni 3 giorni un pacco di tabacco
Vedevo il mio papà asciugare i pianti
Con la bottiglia di un amaro averna
Ed annegare tutti i fallimenti
Passando notti e dì chiuso in taverna
E dunque da bambino io pensavo che fosse solo stupido e sbagliato
Ma sapevo quanto mi sbagliavo e a zonzo ora ubriaco me ne vò

Fa fa fa fa fa fara…

Giocavo a calcio con i miei amichetti
E i genitori stavano in tribuna
I ragazzi si stendevano sull'erba
E c'era chi l'erbetta la fumava
Quand'ero piccolo ignoravo il nome e disprezzavo quella loro azione
Adesso che son grande e sto in tribuna ho il monopolio della Marijuana
Vedevo mamma che puliva il water
e bestemmiando ci malediceva
giurava che se mai fosse rinata
non si sarebbe affatto maritata
E dunque da bambin non mi curavo di rassettar la stanza io da solo
Adesso che son grande infatti vivo di merda ed ho contratto anche lo scolo

Fa fa fa fa fara

Ma tra le storie tristi anche una bella
Luigi che baciava mia sorella
Ma quanto tanto si volevan bene
Passavan le giornate a far l'amore
Quand'ero piccolino anch'io speravo in una duratura relazione
Adesso che son grande…Niente!

 

Back to TOP